salute del fegato e primavera

Perché parliamo di salute del fegato? Cosa c’entra con la primavera? Ebbene, penso che tu sia d’accordo con me quando dico che la primavera è la stagione che, fra tutte, quando arriva la senti subito.

La sua presenza è inconfondibile sin dai primi segni. La senti nell’aria, la vedi intorno a te nei boccioli dei fiori e degli alberi e la percepisci nello spirito. Questo perché l’energia primaverile, che rompe la fredda rigidità invernale, si presenta con un movimento esplosivo, di rinascita e di espansione.

Per questo bisogna essersi davvero preparati alla primavera, seguendo i consigli giusti e gli alimenti migliori per il nostro organismo.

Secondo la Medicina Tradizionale Cinese, nella natura e nel nostro organismo l’energia circola allo stesso modo. Per capire come le stagioni e le loro caratteristiche si manifestano nel nostro organismo sarebbe meglio approfondire la teoria dei “5 elementi secondo la Medicina Tradizionale Cinese”, ma per farlo dovrei suscitare la vostra curiosità, quindi vi riporto qualche spunto a mio avviso molto interessante.

fiore primavera

A cosa è associata la Primavera?

Questa stagione in MTC è associata all’elemento LEGNO e all’organo FEGATO che, proprio in questo periodo, espleta le sue funzioni seguendo la natura. L’energia del fegato si risveglia, si muove verso l’alto e verso l’esterno, tende all’apertura, alla diffusione ed all’espansione.

Nel nostro organismo ogni organo ha determinati compiti da svolgere, quindi ognuno è caratterizzato da una particolare direzione energetica.

Ma torniamo a concentrarci sul fegato.

Il fegato immagazzina il sangue e ne assicura il libero scorrere del Qi (ovvero della sua energia). Questa è la funzione più importante e si manifesta in due modi:

  1. permette al fegato di regolare l’equilibrio psichico in associazione con il cuore,
  2. regola la funzione digestiva in collaborazione con la milza e lo stomaco.

Per questo sono fondamentali un buon sonno e una buona digestione.

Come si manifesta un fegato in salute?

Prima di tutto, il fegato controlla i tendini e li nutre con il suo sangue mantenendo l’elasticità muscolare e la funzionalità articolare.

Si manifesta nelle unghie, pertanto controllate le vostre unghie perché se sono sottili, fragili o deformate significa che l’equilibrio tra yin e yang e il sangue di fegato non sono in buono stato.

Quando il fegato funziona bene gli occhi hanno una buona vista, non c’è secchezza oculare o visione offuscata.

Inoltre, il fegato gestisce una delle emozioni più frequenti nell’uomo: la rabbia. C’è un detto in Italia che sento dire molto spesso: “Mi fai venire un fegato grosso così”.

A proposito delle emozioni, la MTC non solo integra l’uomo con la natura ma vede anche l’unità tra corpo, emozioni e pensieri. È molto affascinante osservare sé stessi attraverso una lente cosi complessa.

Il Fegato, insieme al cuore, è l’organo maggiormente correlato all’equilibrio delle emozioni, e per questo è forse l’organo che soffre di più di disturbi emotivi.

L’emozione non è altro che pura energia in movimento. Quella che caratterizza il fegato è la rabbia.

carmen tra i fiori

Avete mai fatto caso a cosa succede dentro il vostro organismo quando vi innervosite? 

Vi parte un’onda di calore dalla pancia verso la testa, un’onda impetuosa, energica e travolgente. Questa è la rabbia, un’esagerazione, un eccesso di quello che è il movimento normale del fegato.

Ma il fegato è collegato anche all’immaginazione, alla sensibilità, alla contemplazione, alla fantasia.

Viene paragonato dalla MTC ad un comandante dell’esercito: saldo, corretto, deciso e coraggioso, che analizza e concepisce i piani e le strategie, che prevede il futuro e che appronta i mezzi per raggiungere un obiettivo o per organizzare la difesa.

Come far si che il fegato lavori meglio?

Prima di tutto è fondamentale aiutarlo e sostenerlo con una buona alimentazione, facendo attenzione a ridurre il più possibile il consumo di grassi, zuccheri, alcool, caffè, latticini, salumi.

Inoltre, è importante depurare il fegato con tutto ciò che la natura ci mette a disposizione in questo periodo dell’anno, ovvero tanti cibi di colore verde come il tarassaco, gli spinaci, le bietole, l’ortica, i radicchi, i carciofi, la cicoria, il prezzemolo e tutto ciò che nasce e sboccia come ad esempio i germogli.

Anche le modalità di cottura devono essere leggere quindi al vapore oppure saltate.

fiori rosa

Per rendere i cibi più gustosi possiamo aggiungere una spruzzata di vino in cottura oppure una grattatina di buccia di agrumi sul pesce o sulle verdure per dare un po’ di movimento al piatto con il sapore piccante.

Infine, fare movimento il mezzo al verde è sicuramente una buona abitudine (fortunati in questo momento chi ha la possibilità di fare un po’ di attività fisica in giardino).

Invece dal punto di vista emotivo vivere con spontaneità e flessibilità il più possibile, mollare il desiderio di controllo di ogni aspetto della nostra vita e aggiungere un pò di spensieratezza seguendo il detto:

“se ti disturba qualcosa cambialo se lo puoi cambiare, altrimenti infischiatene”.

Ti è piaciuto l’articolo? Fammelo sapere nei commenti e iscriviti alla mia newsletter per scaricare subito un video utile con i miei 5 consigli sportivi e alimentari per il tuo benessere.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *