Tutto quello che c’è da sapere sulla medicina cinese per ottenere benefici a livello fisico e psicologico.

energia e difese immunitarie

Ormai chi mi conosce sa quanto mi piace e mi affascina la visione olistica della medicina cinese che vede l’essere umano nella sua interezza e complessità: mente, corpo ed emozioni.

Avere la possibilità di vedere le cose da punti di vista diversi è sempre fonte di arricchimento e l’idea di poter condividere con voi concetti così lontani dalla nostra cultura, mi dà una grande gioia.

In questo periodo difficile, l’energia che ci circonda non è tra le migliori e riuscire a trovare l’equilibrio e la forza interiore in questo momento particolare credo sia fondamentale.

Ho deciso di fare qualche considerazione su cosa possiamo fare oggi per avere un organismo più forte, resistente ed in salute.  Continua a leggere

Qualche giorno fa, approfittando del bel tempo, sono andata a fare una camminata nei boschi. Non ho potuto fare a meno di notare l’abbondanza di castagne cadute a terra…

E allora una domanda è sorta spontaneamente nella mia testa: perchè la natura ci mette a disposizione questo frutto proprio in questo periodo dell’anno? Non può essere solo un caso.

La natura è sempre stata molto generosa con noi, e se mette a nostra disposizione qualcosa è perchè, in qualche modo, ci vuole sostenere e aiutare. Continua a leggere

emozione della gioia

Le emozioni sono bellissime, sono quelle che ci rendono umani e che aggiungono colori al nostro mondo.  

Ascoltarle e saperle gestire, imparare a mantenere la calma e l’equilibrio per saper rispondere ad ogni situazione nel modo migliore, diventa molto importante.

Mi è capitato molte volte di arrabbiarmi e di reagire in modo esagerato, al punto che, una volta passata la rabbia, mi sono pentita e dispiaciuta.

Oppure quante volte, sulle ali dell’entusiasmo, ho fatto delle promesse che poi non sono stata in grado di mantenere?

Quando si tratta di emozioni io sono sempre estremamente curiosa di capirne le dinamiche con la speranza di poterle fare mie alleate in ogni ambito della vita.  Continua a leggere

emozioni e rabbia

La natura umana vive di emozioni. Esse sono la bussola per orientarci nel mondo, ci guidano nelle varie situazioni della vita, stanno alla base delle nostre scelte, dei nostri comportamenti, delle risposte che diamo agli stimoli esterni, come gli eventi che ci capita di sperimentare, ed agli stimoli interni, come i ricordi ed i pensieri.

Insomma, le emozioni ci fanno vivere il mondo con colori e luci diverse.

Ma cosa sono effettivamente le emozioni?

Dobbiamo prendere consapevolezza del fatto che le emozioni non sono soltanto qualcosa che possiamo sentire con il cuore, con il pensiero; non sono qualcosa di etereo…

Al contrario, le emozioni sono eventi corporei, elementi fisici che lasciano tracce ben visibili del loro passaggio all’interno del nostro corpo.

La Medicina Cinese ci spiega in maniera molto affascinante, secondo me, come le emozioni si manifestano, come si muovono e qual è l’impatto che esse hanno all’interno del nostro organismo.

Per capire questo dobbiamo focalizzare l’attenzione sulla correlazione tra organi, energia ed emozioni.

Ogni organo ha una sua specifica energia a cui corrisponde una specifica emozione.

Per farti capire, al fegato corrisponde la collera/rabbia, al cuore la gioia, al polmone la tristezza, al rene la paura, la milza/pancreas invece è correlata all’emozione della preoccupazione e del pensiero ossessivo (ad esempio, quello delle madri che si preoccupano costantemente per i propri figli).

Se vuoi approfondire sul fegato leggi anche:
la primavera e la salute del fegato, come aiutarlo a lavorare meglio

L’emozione della rabbia: cosa provoca?

Con l’articolo di oggi voglio concentrarmi su una specifica emozione, molto frequente per tutti: la rabbia/collera.

Cosa succede nel nostro organismo quando ci arrabbiamo?

Quando ci arrabbiamo sentiamo un’ondata di calore interna che sale e ci fa diventare rossi in viso, la tonalità della nostra voce si alza e ci sentiamo la testa in procinto di esplodere.

Come puoi capire la collera è un’emozione molto irruente, che avanza con una forza impetuosa nel nostro organismo.

La rabbia non è altro che un’esagerazione del movimento naturale di salita dell’energia del fegato e della sua funzione di drenaggio e diffusione.

Si tratta di energia molto yang, che quando sale trascina con sè il sangue.

Di fatto, il sangue e l’energia del corpo sono strettamente legati, perché il QI con la sua dinamicità muove il sangue che, appunto, porta rossore in viso e senso di pienezza alla testa.

Altre manifestazioni della rabbia sono le vertigini, la cefalea, gli acufeni e, nei casi più gravi, anche la perdita di coscienza.

A cosa può nuocere la rabbia?

Se la rabbia non viene manifestata ma, al contrario, viene repressa, essa si infrangerà sul sistema digerente, composto da stomaco e milza/pancreas.

Questo porterà ad una digestione precaria che comporterà pancia gonfia, diarrea (se più colpita è la milza), oppure nausea e vomito (se più colpito è lo stomaco).

Ma non solo.

La collera può nuocere anche al rene. Infatti, nell’ambito dei 5 elementi il fegato appartiene all’elemento Legno, mentre il rene è correlato all’elemento Acqua.

Così come in natura l’acqua nutre le piante e gli alberi, nel nostro organismo il rene nutre con la sua energia il fegato. Questo rapporto di “madre-figlio” fa si che, nel caso di un fegato iperattivo (figlio), vengono sottratte eccessive energie alla madre (rene), indebolendola.

Uno dei più comuni segni dell’indebolimento del rene è la debolezza lombare e delle ginocchia e l’intolleranza al freddo.

Per tutti questi motivi la rabbia è un’energia intensa e anche molto pericolosa.

Da un lato un eccesso di questa emozione fa ammalare il fegato, ma dall’altro, se il nostro fegato è già sofferente per altre patologie, ci rende irascibili nella vita di tutti i giorni.

Cosa fare quando si manifesta la rabbia?

Quando si manifesta una qualsiasi emozione, tra cui anche la rabbia, è sempre importante fermarsi e sentirla, capire il suo movimento ricordandosi che un’emozione è un qualcosa di fisico che si manifesta e si muove nel corpo.

Dobbiamo osservarla, prenderne consapevolezza, lasciarla passare come se fosse un’onda del mare.

Se le emozioni rimangono confinate in un ambito di moderazione e regolarità, possono guidarci ed aiutarci ad accedere alla nostra intuizione, senza disturbare gli equilibri del corpo e il fluire della vita.

Ma quando diventano eccessive e perdurano nel tempo creano disturbo all’attività degli organi e all’armonioso flusso dell’energia e degli equilibri dello yin e dello yang.

Ti è piaciuto l’articolo? Allora condividilo sui tuoi canali!

Se vuoi continuare a ricevere i miei consigli via mail, compila il form qui sotto e iscriviti alla mia newsletter. Riceverai subito il mio video con 5 consigli sportivi e alimentari per il tuo benessere!

L’estate è il periodo perfetto per rendere omaggio alle erbe aromatiche che, con i loro profumi intensi e avvolgenti, caratterizzano la dieta mediterranea.

Ma quali sono le loro origini? Come possiamo usarle in cucina? Quali sono le loro prioprietà? In questo articolo andremo a rispondere a tutte queste domande. Continua a leggere

salute del fegato e primavera

Perché parliamo di salute del fegato? Cosa c’entra con la primavera? Ebbene, penso che tu sia d’accordo con me quando dico che la primavera è la stagione che, fra tutte, quando arriva la senti subito.

La sua presenza è inconfondibile sin dai primi segni. La senti nell’aria, la vedi intorno a te nei boccioli dei fiori e degli alberi e la percepisci nello spirito. Questo perché l’energia primaverile, che rompe la fredda rigidità invernale, si presenta con un movimento esplosivo, di rinascita e di espansione. Continua a leggere

ideare una ricetta secondo mtc

Hai mai pensato a cosa succede nel tuo organismo dopo un pasto? Ti sei mai chiesto come il cibo interagisce con il tuo corpo e come quest’ultimo ne trae benefici oppure viene disturbato?

La Medicina Tradizionale Cinese spiega questo sistema in modo molto diverso rispetto a quello occidentale a cui siamo abituati. 

Nella visione orientale infatti, l’uomo è parte integrante dell’universo e, di conseguenza, esiste uno scambio continuo di informazioni tra noi e l’ambiente circostante. 

Nutrirsi fa parte di questo processo di interazione e la dietetica cinese ne riflette le dinamiche. Continua a leggere

la fioritura degli alberi in primavera

Secondo la medicina tradizionale cinese l’uomo è parte integrante della natura, è originato dalle stesse radici del cosmo ed è abitato dalle stesse energie, per questo il suo benessere e la sua vita non dipendono solo dalla sua armonia interiore, ma anche da quello che succede intorno a sé.

I principi su cui si basa la medicina cinese sono lo yin e lo yang, due nozioni che dominano la cultura e la filosofia cinese. 

Sono due forze apparentemente opposte ma complementari e inscindibili fra di loro. Lo yang rappresenta il movimento che raggiungendo il suo limite si trasforma in quiete che produce yin. 

Quando la quiete raggiunge il suo limite ha un ritorno al movimento. 

E così, alternandosi movimento e quiete, si originano a vicenda in un ciclo senza inizio e senza fine

l'eterno dinamismo tra luce e buieMedicina Tradizionale Cinese e le stagioni 

Anche le stagioni sono caratterizzate dell’evolversi di queste due differenti polarità di energia: si passa da un massimo di yin dell’inverno a un yang nascente in primavera, al massimo di yang dell’estate, che iniziando a calare lascia spazio a uno yin crescente che arriverà al suo culmine durante l’ inverno. 

A questo dinamismo continuo che avviene in natura l’uomo non si sottrae, rispondendo con i suoi ritmi interni, ritmi che rispecchiano i movimenti di mutamento che avvengono all’esterno.

Ecco che allora in primavera muta il legno, elemento associato a questa stagione e che nel nostro organismo è rappresentato dal fegato. 

L’’estate invece  vede protagonista il fuoco che nell’uomo rappresenta il cuore. 

L’autunno è la stagione del polmone e l’elemento è il metallo, mentre  all’inverno appartiene l’elemento dell’acqua, a cui è associato il rene. 

Infine, la terra è il centro a cui viene associata la milza e stomaco e in natura e legata a una “quinta” stagione, una stagione di passaggio tra l’estate e l’autunno.

Dunque ogni stagione ci offre le qualità necessarie per affrontare il suo clima e per preparare le energie del nostro corpo alla stagione che verrà. 

Noi dal nostro canto, possiamo contribuire a sostenere questo movimento fisiologico dell’energia con l’alimentazione energetica che tale medicina propone.

Come? Ad esempio scegliendo con cura i cibi che mangiamo, perché seguendo il ciclo di cui abbiamo parlato, possiamo rafforzare l’organo protagonista della stagione in cui ci troviamo e preparare quello della stagione a cui andremmo in contro.

In questo modo essi possono espletare al meglio le loro funzioni garantendo uno stato di salute ed equilibrio generale dell’organismo.

I cibi da preferire in ogni stagione 

Primavera: la stagione della rinascita, della crescita e dell’espansione.

Sono particolarmente indicate le verdure a foglia verde e i germogli, perché si trovano in fase di crescita e sostengono il movimento della primavera.

Inoltre, è preferibile scegliere piccole quantità di alimenti salati che aiutano a ricostruire l’organo che ha lavorato di più nella stagione precedente, ossia il rene.

Anche alleggerire l’alimentazione per liberarsi di eventuali accumuli invernali può essere una buona strategia da mettere in pratica nei mesi primaverili.

(In questo momento dell’anno lo yang inizia a crescere, quindi per aiutare l’espansione e la risalita del qi i sapori da utilizzare sono quelli prevalentemente quelli yang)

 

Estate: è la stagione in cui l’energia è al suo massimo d’espressione.

Per combattere il caldo estivo bisogna consumare tantissima frutta e verdura cruda che apporta liquidi ed essendo di natura termica fresca e fredda ha una funzione termo-regolarizzatrice per il nostro corpo.

Le tisane dissetanti a base di fiori e piccoli frutti (specie se rossi) possono essere utili per la loro funzione di portare l’energia in alto e all’esterno.

Autunno: lo yang inizia a flettere a favore dello yin. Subentrano maggior quiete, riflessività, introspezione. 

Il sapore acido del radicchio rosso, rucola, ravanello, spinacio, zucchino, lattuga, sedano, cavolfiore, mela arancia, mandarino, pera, avocado è il più indicato. 

Ma non solo. L’amaro, nelle piccole quantità aiuta a ricostruire il cuore, l’organo protagonista dell’estate e il salato a sostenere quello della prossima stagione. (salato e amaro sono caratteristiche dei cibi come pesci e verdure, come  il sapore dolce è peculiarità soprattutto dei cereali, non delle torte o le brioche).

Dopo un’estate in cui per eliminare il calore ci siamo orientati più su piatti freddi e verdura cruda, bisogna ricominciare a cucinare e a “scaldare”

L’inverno: lo sforzo che richiede questa stagione è quello di cucinare il più possibile.

In questa stagione, per combattere il freddo, i cibi di natura termica neutra tiepida e calda sono i più indicati.

Il freddo suggerisce di adottare un’alimentazione più nutriente come carne e grassi, ma anche usare il sapore piccante,  che potrebbe essere utile sia per evitare i ristagni ma anche per armonizzare il rene che sta lavorando intensamente in questo periodo e aiutare il polmone a ricostruirsi dopo l’autunno che la visto protagonista.

 

La quinta stagione: quella del centro. 

Si tratta di una stagione che effettivamente in natura non la troviamo. È la stagione del centro che viene collocata tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno ed è la stagione della milza e stomaco. 

Sono loro i protagonisti indiscussi della formazione del qi – l’energia. 

Lo stomaco riceve i cibi che per essere utilizzabili dal nostro organismo vanno trasformati in qi, cioè in energia. 

Questo lavoro di trasformazione lo fa la milza.

Più che mai in questo periodo dell’anno bisogna privilegiare il sapore dolce dei cereali e dei legumi e la natura termica neutra, evitando quegli alimenti o quelle abitudini che possono affaticare la milza. 

Non dimentichiamo che questa quinta stagione è un momento di passaggio climatico ed è un momento delicato in cui è importante non effettuare brusche sterzate energetiche per adattarsi al meglio al cambiamento.

Vuoi approfondire sulla medicina tradizionale cinese ed avere un programma di benessere su misura per te? Contattami e ne parleremo insieme.